Generale luglio 13, 2016

Contro la celiachia forse un vaccino

Generale luglio 13, 2016

Contro la celiachia forse un vaccino

Una nuova scoperta nel tema della celiachia potrebbe aiutare i soggetti affetti da questa malattia ad affrontare e superare questo disturbo. Pare infatti che ciò che accelera la comparsa dei sintomi della malattia possano essere alcune infezioni virali.

 

Un virus potrebbe scatenare la celiachia

Uno studio pubblicato su Gastroenterology, condotto da alcuni ricercatori – tra cui tre studiosi del Dipartimento di scienze mediche traslazionali dell’Università Federico II di Napoli – ha messo in luce come un maggiore rischio di sviluppare la celiachia sia legato ad alcune infezioni virali che interessano l’intestino. I virus colpevoli sarebbero il norovirus, reovirus o il rotavirus.

Centocinquanta celiaci sono stati sottoposti ad analisi sieriche e biopsie. Gli studiosi hanno confrontato le analisi con quelle di un gruppo di persone sane usate come controlli. L’esito del confronto ha riscontrato che i pazienti hanno sofferto in precedenza di un’infezione intestinale. La scoperta si basa sul riscontro nel siero degli anticorpi contro i patogeni.

 

L’idea del vaccino

Reinhard Hinterleitner, ricercatore del dipartimento di gastroenterologia all’Università di Chicago, afferma che l’infezione provocherebbe una maggiore sensibilità delle cellule dendritiche nei confronti dell’antigene, ovvero il glutine. A questo punto i linfociti T si attivano, comportando una risposta del sistema immunitario che non riesce più a tollerare tutti gli alimenti contenenti glutine.  Tale meccanismo avviene in persone geneticamente predisposte.

Contro il rotavirus esiste un vaccino, in Europa da sei anni. Il suo possibile ruolo nell’insorgenza della celiachia potrebbe favorirne la diffusione e aiutare contro la prevenzione della malattia. Il vaccino viene somministrato al terzo mese di vita, con un richiamo al quinto.

 

Fonte: LaStampa